giovedì 30 marzo 2017

Omegaverse e altre stranezze yaoiste


Ciao a tutti!!!
Oggi parliamo di yaoi in termini un pochino più generici e forse un pochino sarcastici. il fatto è che ultimamente ho iniziato a leggere moltissimi yaoi, complice la fine di Yuri!!!On ice e il sentirmi orfana della Vikturi, mi sono data a questo genere.... molto. Praticamente gli shoujo sono diventati letture di fondo.
Comunque ho notato alcune cose particolari negli yaoi , che non hanno minimamente senso o sono assurde e mi sono detta: via, buttiamone giù un post, per riderci un po' sopra.


Gli etero: questa strana razza in via di estinzione.
Gli yaoi e anche gli shonen ai  in realtà hanno un po' tutti questa caratteristica (forse il cervello delle autrici si setta in quel modo, chissà): tutti i personaggi -ma proprio tutti- sono gay. Etero, omofobi e quant'altro si vuole aggiungere nel calderone si rivelano sempre essere in realtà gay. Qualunque personaggio, perfino quelli di contorno, perfino il postino che passa davanti alla casa dei protagonisti e nemmeno si ferma è gay.
In rari, ma proprio rarissimi casi, compare da qualche parte della storia un personaggio etero... che è come la particella di acqua Lete, quasi ti chiedi che ci faccia lì. Per l'amor del cielo, ovvio che se si parla di uno yaoi ti aspetti di non trovarci gli etero nemmeno come personaggi secondari, ma la loro totale inesistenza dopo che leggi una decina di manga così inizia a sembrarti strana...



Perché una ragazza???
Nel classico yaoi il personaggio uke (che sarebbe il passivo) ha sempre un aspetto più minuto o delicato del Seme (ovviamente non è sempre così, ma la maggior parte delle volte si). A volte però le autrici esagerano e il personaggio esce fuori con un aspetto totalmente femminile, tanto che sembra veramente una ragazza. Questo ovviamente senza voler in alcun modo giocare su qualche strano complesso che il personaggio avrebbe per il proprio aspetto, perchè in quel caso avrebbe senso.
Al che la domanda sorge spontanea: ma non si faceva prima a fare direttamente uno shoujo? Senza offesa per nessuno, ma se tanto uno dei due personaggi sembra una ragazza, tanto vale fare direttamente un altro genere e fine.


A.A.A. Trama sensata cercasi 
Anche tra gli yaoi, oltre che tra gli shonen ai, ci sono delle storie incredibilmente dolci... ma diverse volte ti trovi davanti a cose incredibilmente assurde.
Tra le trame più insensate e ricorrenti, e che non riesco in alcun modo ad apprezzare, ci sono quelle in cui il protagonista si innamora del personaggio che in qualche modo lo abusa, fisicamente o sessualmente o entrambe. Questa è una di quelle trame che a me urta profondamente i nervi.
Sono poi presenti storie ancora più assurde in cui il protagonista si "innamora" di un famigliare (classiche e solitamente insensate storie di incesto), i più gettonati sono i fratelli e gli zii...
Poi ovviamente ci sono quei manga che sembrano semplicemente dei porno e che non hanno un trama e neanche dei veri e propri personaggi, dato che a parte il sesso non c'è praticamente nient'altro nelle pagine di quei manga.
Sia chiaro, la mia è una critica dettata dal gusto personale: a me piacciono gli yaoi con una trama, possibilmente un buon intreccio e personaggi ben sfaccettati, anche se questo è estremamente difficile visto che di solito questa tipologia di manga è composta per lo più da storie brevi e volumi unici.

Omegaverse... 
Ormai hanno iniziato da un bel po' a girare i manga omegaverse. Credo all'inizio fossero solo dj, ma ormai ci sono diverse opere originali, anche disegnate davvero molto bene. Dato che mi sono ritrovata a leggerli, mi sono anche messa a guardarmi le "istruzioni" di questo "universo".  Sembra che ogni mangaka personalizzi il proprio omegaverse in qualche modo, ma ci sono comunque delle caratteristiche comuni: l'esistenza del secondo sesso (si, lo so come suona) alfa, beta e omega (di cui Teen Wolf vuole i diritti).
I più comuni sono i beta, mentre i più rari sono gli alfa e gli omega, a quale categoria appartenere viene fuori grazie a un esame del sangue. 
Gli alfa sono ovviamente quelli che finiscono al potere, vengono solitamente considerati i più intelligenti, di successo ecc.. ecc... (Scott non ha chiesto i diritti per questo XD). 
Gli omega agli antipodi sono spesso vittima di pregiudizio perchè, ed ecco la cosa assurda , una volta al mese (forse le donne riescono a prevederlo meglio grazie al ciclo?) rilasciando degli ormoni, in pratica vanno in calore e attirano gli alfa che perdono la testa sentendo questi ... ormoni o feromoni. Gli omega possono rimanere incinta indifferentemente dal fatto che siano maschi o femmine (rifiuto di mettere il disegnino). E se pensate che tutto questo sembri strano, sappiate che esiste una cosa chiamata approssimativamente "Coppia predestinata", in pratica per ogni omega c'è un alfa a cui è destinato, una volta che i due si incontrano le cose variano, ma in generale dopo che l'alfa morde l'omega sul collo il marchio rimane e i feromoni dell'omega funzionano solo su di lui... perchè ha il segno di un morso sul collo... ha perfettamente senso...
Al di là dell'assurdità di tutto questo devo ammettere che, incomprensibilmente anche per me, questa tipologia di manga mi piace. Sarà per il lato romantico dato dalla "coppia predestinata",  per la lotta contro il pregiudizio o perchè sembra che in queste storie l'amore possa sconfiggere tutto...  in modo romantico.

Immagini manga:
Dia Game di Byaku Kotora
Koishite daddy di Kitazawa Kyou
Kokoro di Kanda Neko
Kurui Naku no wa Boku no Ban di Kusabi Keri

sabato 25 marzo 2017

Green: cosa cavolo è stato?



C'era una volta, tanto tempo fa, una ragazza che amava la serie time-travel di Kerstin Gier. Questa povera imbecille apprese che avrebbero girato i film tratti dai libri della serie e ne era felice! Pensate, questa decerebrata pensava che sarebbero stati splendidi, similissimi ai libri perchè che ragione c'era mai per cambiare qualcosa?? All'inizio, nonostante qualche intoppo tutto sembrava andare bene, certo delle cose erano diverse, ma niente di plateale.
Poi la povera illusa guardò l'ultimo film....

Titolo: Ruby Red 3 - Verde Smeraldo
Titolo originale: Smaragdgrün
Anno: 2016
Regia: Felix Fuchssteiner, Katharina Schöde
Casa di produzione: Lieblingsfilm, mem-film, Geißendörfer Film- und Fernsehproduktion, Tele München Fernseh Produktionsgesellschaft
Interpreti e personaggi: Maria Ehrich(Gwendolyn Shepherd); Jannis Niewöhner (Gideon de Villiers), Laura Berlin (Charlotte Montrose), Jennifer Lotsi (Leslie), Florian Bartholomäi (Paul de Villiers), Josefine Preuß (Lucy Montrose), Peter Simonischek (conte di Saint-Germain)
Trama:  
Adattamento della parte finale della famosa trilogia time-travel di Kerstin Gier. Il cuore di Gwendolyn è spezzato, riuscirà a fidarsi di nuovo Gideon?
Non c'è però proprio tempo da perdere in lacrime. Qualcosa di incredibile accade, e  Gwendolyn si ritrova in una disperata corsa contro il tempo per tentare di salvare il mondo intero.


Vi è mai capitato di rimanere imbambolati a fissare lo schermo chiedendovi cosa accidenti fosse successo? Ecco questo è quello che ho provato io alla fine del film.
Iniziamo con il dire che il terzo film della serie Ruby Red non è male, se non si considera il libro. Ha una sua logica che va contro le regole fino a quel momento imposte e ha un suo perchè. I fatti, nell'ordine in cui avvengono, hanno un loro perchè e i continui colpi di scena e le varie scene di combattimento aiutano a mantenere l'attenzione dello spettatore fino alla fine. Non si può dire quindi che il film, preso a se stante sia fatto male....
Ma per chi ha letto il libro questo film è praticamente impossibile da apprezzare, lo si può definire la più grande schifezza apparsa su uno schermo dai tempi di Twilight (libro bellissimo, che ancora amo alla follia, film che era lo schifo più totale e assoluto).

Da qui partono gli spoiler, potete non leggere se volete.

Qui non ci siamo proprio! Che diavolo è successo??? Che è successo alla trama? Alla storia originale? Ai personaggi? 
Gwen, la ragazza, che furbescamente riusciva ad usare due cronografi, qui è così furba da non andare più alla loggia rendendo chiaro che c'è qualcosa che non va, dato che ha bisogno del Cronografo per trasmigrare in modo sicuro e che quindi ha probabilmente l'altro cronografo... Cosa che effettivamente ha e stava cercando di nascondere. 
Il conte di Saint Germain nel film vince temporaneamente, uccidendo Gideon e Gwen, che però si risveglia rendendosi conto di essere immortale, impara a viaggiare nel tempo senza bisogno del cronografo e riesce a salvare Gideon per il rotto della cuffia cambiando di fatto il passato e il presente. Alla fine la ragazza, a una festa a casa dei genitori, prende l'elisir dell'immortalità restante, dicendo che se un immortale beve una pozione che rende immortali, diventa mortale... Certo.
Al di là di quanto possa essere plausibile e sensato questo tipo di finale, io mi chiedo: c'era effettivamente bisogno di cambiare tutto quanto? Quello che era scritto nel libro, dove tutti e due diventavano immortali e non c'era bisogno di fare chissà cosa per cambiare il passato, non era forse più sensato a modo suo? Perché, per l'amor del cielo, hanno dovuto uccidere Gideon e rendere Gwen mortale? Che senso ha avuto?
Non mi è piaciuto, non ho apprezzato. Gwen stessa manga di brillantezza, e per quanto bello divenga il rapporto con la cugina dopo che Gideon viene imprigionato, non ho apprezzato nuovamente lo stravolgimento della trama (si, c'era anche quello, ma ho soprasseduto).

Per farla breve il film è assolutamente apprezzabile... da chiunque non abbia amato il libro. 

giovedì 23 marzo 2017

Mystic Messenger: ennesimo speciale




Ciao lettori,
lo aspettavate questo post, vero? Lo so che eravate lì a dire "Oddio, quando arriva?" XD
Scherzo, scherzo. Era ovvio, però, che avrei scritto su questo... insomma, sapete quanto amo Mystic Messenger!

E' uscito l'ennesimo speciale  di Mystic Messenger, niente nuove scelte, solo lo speciale... è ambientato il primo di aprile, non potrebbe interessarmi meno... purtroppo tutto il giorno le chat sono state di una noia mortale, qualche scossone c'è stato quando è comparso Unknow, ma è finito in fretta. Certo alla fine la chat è diventata qualcosa che... oddio, che amore!!! >___<
Comunque, passiamo alle caratteristiche di questo speciale:

  • Costa ben 60 clessidre (mica pensavate fosse gratis, vero? Nel caso mi scuso per aver subito distrutto l'illusione)
  • Si svolge in un unico giorno, quindi chat, chiamate e messaggi durano 24h (per 60 clessidre secondo me è un pochino un'inculata, scusate la mancanza di finezza, comunque tant'è)
  • ha 3 diversi finali (non ne ho ancora visto uno, ma sono sicura che saranno carinissimi)
  • E' ambientato il 1 aprile, il giorno del compleanno di Zen, che è onnipresente nelle chat, mentre gli altri personaggi ci sono pochissimo, o almeno è questa l'impressione che mi hanno lasciato.
  • E' ambientato in una zona temporale in cui non state con nessun personaggio (entro uno dei quattro giorni?), giusto per chiarire il contesto.
  • Contiene 23 nuove foto, ma pochissime sono con i personaggi.
Non ho ancora letto il finale, sono in attesa che arrivi l'ultima chat... o l'ultima visual novel, tuttavia mi sento già di dire che se avete altro da comprare queste 60 clessidre sono risparmiatili. Consiglio piuttosto lo speciale di natale o gli episodi nelle after ending di San Valentino.

Buon gioco a tutti^^!

sabato 18 marzo 2017

Wotaku ni Koi wa Muzukashii di Fujita


Cari lettori,
questa giornata è stata davvero ... diciamo che la settimana non è stata una delle migliori. In questo periodo ho davvero tanta voglia di manga come questo. Per una sana risata e un po' di melodramma, che non fanno mai male quando il resto delle cose bene non va. Oggi, quindi, vi parlo di un manga carinissimo e divertentissimo, oggi vi parlo di Wotaku ni Koi wa Muzukashii di Fujita .


Wotaku ni Koi wa Muzukashii
di Fujita
Volumi: 3 (in corso)
inedito in Italia

Anno di pubblicazione: 2014
Casa editrice:  Ichijinsha
Rivista: Comic Pool
Genere: Commedia, Josei, Romantico, Slice of Life

Hirotaka e Narumi sono amici dalle medie grazie a una grandissima passione in comune: i due infatti sono otaku. Narumi però non vuole assolutamente che qualcuno sul lavoro lo scopra, anche perché l'ultima volta che la verità è saltata fuori la sua relazione è finita.
Grazie al lavoro nella stessa compagnia i due si riavvicinano.
Alla fine Hirotaka propone a Narumi di uscire insieme: la coppia infatti sembra perfetta, anche se Narumi inizia a evitare Hirotaka a causa della timidezza e tra riferimenti a giochi vari (tra cui i miei amati otome) la situazione sarà sistemata...

Voto:




Wotaku ni Koi wa Muzukashii è un manga che racconta la "romantica"(?) e divertentissima storia d'amore tra due amici di vecchia data.

Momose Narumi è una fissata di dating sims (per chi non lo sapesse trattasi dei miei amatissimi otome) di 26 anni che si diverte a disegnare yaoi e probabilmente fare cosplay (ricordo una battuta sul cosplay di coppia). Anche se è una bella ragazza, il suo essere otaku sembra averla penalizzata nelle relazioni, quindi c'è da chiedersi se ora che ha finalmente un ragazzo otaku le cose le andranno bene... 
Nifuji Hirotaka, stessa età di lei, dal canto suo è fissato con i videogiochi, sebbene non gli piacciono i dating sim, ama gli anime e i manga... insomma, i personaggi di questo manga li sento molto affini...  Sono degli otaku, è normale.
La storia non ha particolare spessore, né tratta grandi temi o ha personaggi complessi. Il manga è stato chiaramente concepito per essere una commedia, con il solo chiaro scopo di far ridere il lettore e ci riesce molto bene...! C'è qua e là un tocco di romanticismo, ma la comicità è alquanto maggiore di qualunque altro tratto... Almeno per ora! Mi sono letta solo i capitoli in italiano, quindi non sono andata molto avanti nella storia, ma c'è da ridere e parecchio anche!!!! Guardate la pagina accanto per rendervene pienamente conto!
Nota triste: i capitoli sono molto brevi, solo una ventina circa di pagine l'uno.

Il manga è tradotto amatorialmente dal sito Harebare Kazoku Scans in collaborazione con il Kururun Team.

lunedì 6 marzo 2017

Horimiya di Hero e Daisuke Hagiwara


Buonasera lettori!
Volevo parlarvi di uno shoujo... e invece niente! Eccomi qua a parlarvi di Horimiya, che è uno shonen, ma che un sa abbastanza si shoujo... quindi forse mi salvo? Speriamo? Oppure no. Shoujo o non shoujo, il maga ha una storia dolcissima, quindi drizzate le antenne (o gli orecchi, come fa la mia Taby).


Horimiya 
di  Hero e Daisuke Hagiwara
Volumi: 10 (in corso)
inedito
Anno di pubblicazione: 2011
Casa editrice: Square Enix
Rivista: GFantasy
Genere: shonen, commedia, scolastico, slice of life, romantico

Kyoko Hori è una delle ragazze più popolari della scuola: bellissima, molto curata e intelligente, ha un carattere aperto e fa amicizia facilmente. Nasconde però un segreto:il lavoro dei genitori che li porta spesso a mancare da casa, l'ha fatta diventare una perfetta casalinga che non veste minimamente i panni della ragazza alla moda, tutt'altro!
A scoprire questo segreto è Izumi Miyamura, suo compagno di classe che sembra essere totalmente diverso da lei: Miyamura infatti ha un aspetto da otaku, un aria tetra e un carattere chiuso che lo portano a non avere amici. Il realtà il ragazzo nasconde sotto la divisa diversi pircing e tatuaggi, e tolti gli occhiali e raccolti i capelli è a dir poco bellissimo.
I due finiscono per fare amicizia grazie al fratellino di Hori...

Voto:



La prima volta che mi sono messa a leggere Horimiya ero incuriosita dai disegni, che ricordano molto quelli degli anime più che dei manga e in una sera mi sono letta al pc la bellezza di 4 volumi (i miei occhi sanguinavano).
Mi sono piaciuti subito tantissimo i personaggi. Hori è un personaggio particolare, inizialmente sembra molto posata e seria, soprattutto è bravissima a scuola, si occupa della casa e del fratello minore, non pensa praticamente mai a se stessa ed è molto gentile. Credo che la cosa che mi sia piaciuta più di quando Miyamura entra nella sua vita è che Hori inizia un attimo, per la prima volta, a fare qualche capriccio, ad ammettere qualche sua debolezza. Ci sono cose che non mostra al di là della propria famiglia, infatti nessuno sa come è Hori a casa, addirittura alcune amiche quando la vedono senza trucco non la riconoscono. 
Con Miyamura è diverso già dall'inizio lei è possessiva, gli chiede di non mostrare com'è al di fuori della scuola a nessuno tranne che a lei. Il ragazzo accetta anche perchè prova gli stessi sentimenti che prova lei, perchè quello è un qualcosa che appartiene solo a loro. Ho trovato molto dolce tutto questo.
Dal canto suo Miyamura ha un passato particolare alle spalle: alle medie era isolato da quasi tutti i suoi compagni di classe, ha nove prircing alle orecchie che si è fatto da solo con una spilla da balia (non posso immaginare quanto fare dannatamente male, gli autori hanno zero pietà), non ha amici, non riesce a comunicare in modo aperto con gli altri ed è chiuso in se stesso. Per questo il fatto che Hori, soprattutto in considerazione di chi lei è, lo accetti così com'è nella sua vita ha un così grande peso per lui. 
All'inizio, quando il legame tra lui e Hori si forma e i due diventano amici lui non pensa di poter essere in qualche modo speciale per lei, anche se è così. Questa sua insicurezza cambia quando si rende conto che questo modo di vedere le cose è arrivato a far soffrire lei. 
Ho apprezzato molto vedere quanto il mondo di Miyamura si amplia grazie a Hori. Il ragazzo riesce pian piano a farsi degli amici, a creare dei legami solidi con persone che, conoscendo com'è veramente lo apprezzano e lo spalleggiano quando si trova ad affrontare le difficoltà (sopratutto quando la storia tra lui e Hori viene fuori).

Ho amato il modo in cui questi due si mettono insieme: Horimiya non è un manga tirato per le lunghe, ma non è nemmeno precipitoso, si prende il giusto spazio e tempo per far accadere le cose.
I due si mettono insieme in modo del tutto naturale, dopo alcuni volumi e la storia prosegue come una normale storia, niente cose particolarmente assurde: niente ex fissati in modo irrazionale con uno dei due, niente colpi di scena inverosimili né altro.
Tuttavia andando avanti va detto che il manga diventa un pochino dispersivo, perchè, anche per rendere la storia un pochino più attiva, l'attenzione viene focalizzata sui personaggi secondari... e sembrano anche spuntarne sempre di nuovi!!!!


Il manga è tradotto in italiano dal sito Oyasumi Chun Chun, un sito che ha fatto un meraviglioso lavoro sia con la traduzione che con l'editing. Tutti i capitoli sono reperibili online, quindi che aspettate???

giovedì 2 marzo 2017

Green: il film in uscita a marzo


Carissimi lettori festeggiamo!!!!!!
Perchè? Ma perchè finalmente lo hanno annunciato, finalmente è in uscita... finalmente in italiano vedremo il film su Sky cinema family per il 17 Marzo !!!!! Il film tratto dal libro Green, l'ultimo della trilogia delle gemme!!!!


Titolo: Ruby Red 3 - Verde Smeraldo
Titolo originale: Smaragdgrün
Anno: 2016
Regia: Felix Fuchssteiner, Katharina Schöde
Casa di produzione: Lieblingsfilm, mem-film, Geißendörfer Film- und Fernsehproduktion, Tele München Fernseh Produktionsgesellschaft
Interpreti e personaggi: Maria Ehrich(Gwendolyn Shepherd); Jannis Niewöhner (Gideon de Villiers), Laura Berlin (Charlotte Montrose), Jennifer Lotsi (Leslie), Florian Bartholomäi (Paul de Villiers), Josefine Preuß (Lucy Montrose), Peter Simonischek (conte di Saint-Germain)
Trama:  
Adattamento della parte finale della famosa trilogia time-travel di Kerstin Gier. Il cuore di Gwendolyn è spezzato, riuscirà a fidarsi di nuovo Gideon? Non c'è tempo da perdere in lacrime. Qualcosa di incredibile accade, e Guendalin si ritrova in una disperata corsa contro il tempo....


Vi lascio il trailer sottotitolato in italiano: